Stiamo andando nella giusta direzione?

Stiamo andando nella giusta direzione?

La medicina ha sconfitto la maggior parte delle malattie che cent’anni fa accorciavano la nostra aspettativa di vita; viviamo sempre più a lungo con sempre più cure mediche a nostra disposizione. Eppure, i problemi per cui pazienti chiedono aiuto dal 25% al 50% dei casi non hanno cause patologiche (1-2).

Sindorme Funzionale

Somatica per specialità

Ginecologia Sindrome premestruale,dolore pelvico cronico
Reumatologia Fibromialgia
Cardilogia Dolore al torace non cardiaco o atipico
Neurologia Mal di testa da tensione

 Lo stesso vale per la lombalgia aspecifica, tra il 1970 ed il 1981 negli Stati Uniti, il numero di persone affette da questo problema è aumentato di 14 volte rispetto alla crescita della popolazione (3-4). Inoltre nessuna tecnica riabilitativa ha dimostrato fino ad ora di essere la reale soluzione al problema.Una volta sentii dire ad un convegno che l’efficacia non dipende dalla metodica ma dal terapista. E allora mi sono chiesto quali sono le caratteristiche che deve avere un terapista per essere più potente della metodica? Col tempo, come sempre succede, se cerchi le risposte arrivano e tra queste vi è sicuramente la capacità di entrare in Rapport col vostro paziente. La condizione di Rapport è, come dice John La Valle (braccio destro di Richard Bandler il creatore della PNL), il guadagnarsi la possibilità di andare in guida. Il far si che il paziente si fidi di noi anche se non siamo suoi amici o persone che stima come ad esempio famosi terapisti. Quando sei in rapport il paziente accetta meglio i tuoi  consigli (fare sport, fare esercizi, migliorare la postura etc) e le convinzioni potenzianti che puoi fornirgli relative al fatto che può guarire, ad esempio. Alcuni pensano che le doti  relazionali debbano essere per forza innate invece non è così in quanto, come la PNL ci ha insegnato, è possibile modellare i comportamenti di successo (participio passato del verbo succedere, ovvero la capacità di far accadere le cose), e replicarli. Ovviamente bisogna sapere come fare e fare esercizio, un po come in tutte le metodiche che applichiamo. Il dualismo corpo mente ci ha fatto fare passi importanti nella conoscenza ma ci ha fatto perdere di vista il fatto che noi non trattiamo le ernie lombari ma dei pazienti che soffrono per un’ernia lombare.La competenza tecnica è una condizione fondamentale ma non può essere l’unica colonna di supporto alla terapia in quanto, come dimostrano i dati riportati dagli studi citati, la sola competenza non ci stà portando verso la soluzione di questi problemi. Un vecchio adagio diceva che se continui a fare quello che hai sempre fatto otterrai quello che hai sempre ottenuto, pertanto se non vuoi tralasciare questi importanti elementi e vuoi migliorare come terapista e come individuo ti aspettiamo al nostro corso.

1 Olde Hartman T.C., Lucassen P.L., van de Lisdonk E. H. Et al. (2004), Chronic functional somatic symtoms: a single syndrome?, in “British Journal of Jeneral Practice”, 54:922-7.

2 Garner Thomson, Khalid Khan (2009), PNL per i medici. Alessio Roberti Editore, pag. 21.ra

3 Frymoyer. J.W. and Mooney V.:Current Concepts Review. Occupational Orthopaedics. J. Bone Joint Surg. 68A:468-473, 1986.

4 Tratto da “La colonna lombare” – The International Society for the study of the lumbar spine – James N. Weinstein Sam Winstein Sam W. Wiesel (VERDUCCI EDITORE).

 

Submit a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>